Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘alimentazione’ Category

Per mantenere i denti bianchi, oltre ad un’accurata igiene orale, è necessario fare attenzione anche ai cibi che mangiamo.
Per non danneggiare il nostro sorriso smagliante, oltre ad evitare cibi ingiallenti (caffè, tè, tabacco) si dovrebbe consumare frutta e verdura croccanti, come mele, cavolfiori, sedano. Queste puliscono i denti mentre vengono masticate. E’ quello che sostengono i medici del Wake Forest Baptist Medical Center del North Caroline.

denti

Annunci

Read Full Post »

di Claudia Raganà

Le patatine fritte sono il piatto più gustoso e amato dai bambini e… non solo loro. Ma non sono propriamente leggere né particolarmente sane.

Esistono però delle alternative  ’verdi’ che consentono di non rinunciare al gusto di un piatto così sfizioso, eliminando gli aspetti non nutrienti. Ecco alcune ricette.

Chips di broccoli: passare i gambi dei broccoli tagliati a pezzetti prima nel mix di uovo (1 uovo grosso, 1/2 tazza di latte) e poi nella panatura (1/2 tazza di fiocchi d’avena tritati grossolanamente, 1 tazza di pangrattato e una spolverata di sale, pepe di cayenna e a piacere cipolla in polvere) e metterli a cuocere in forno a 180° per 10 minuti. Usare la carta da forno per non farli attaccare alla teglia.

Carote al forno: tagliare le carote a listarelle sottili, dopo averle pelate. In una ciotola condirle con olio, sale e pepe. Disporle in una teglia, e cuocere in forno a 230° per circa 25-30 minuti girandole un paio di volte con la paletta. In alternativa, un mix di olio, miele in parti uguali e una spolverata di sale.

Doritos al chili: nel mixer amalgamare 3/4 di tazza di farina di mandorle, 1/4 di tazza di semi di lino, 1/4 di tazza di farina di cocco, 1/4 di tazza di burro, 1 uovo grande, 1 cucchiaio e mezzo di polvere di chili, 1 cucchiaio di polvere di cipolla, 1/2 cucchiaio di cumino, 1/2 cucchiaio di paprika, 1/2 cucchiaio di sale. Dividere in due parti il composto. Schiacciare bene con il mattarello una parte, messa tra 2 fogli di carta da forno. Tagliare a triangoli la superficie ottenuta e togliere il foglio superiore di carta da forno. Togliere i ritagli di pasta e aggiungerli all’altra parte del composto. Cuocere in forno a circa 180° per 7-10 minuti. Ripetere con l’altra parte di composto. Dosi per 30 doritos.

Bastoncini di mozzarella al forno: tagliare la mozzarella a bastoncini e surgelarla. Battere almeno 2 uova per la panatura e, in un’altra ciotola mescolare del grana grattugiato con pangrattato (in rapporto 1 cucchiaio di grana per 2 di pangrattato) e un pò di prezzemolo. Passare i bastoncini prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato. Rifare i passaggi. Riporre nuovamente i bastoncini nel congelatore fino al momento della cottura. Cuocere in forno a 200° 10-15 minuti per parte finché sono dorati.

Chips di ravanello: scegliere tra quelli più grossi e tagliare con la mandolina i ravanelli a fettine sottili (si restringono molto). In una ciotola condirli con olio, sale e pepe oppure con paprika o curry a scelta. Coprirli con un foglio di carta da forno e infornare a 180° per 10 minuti. Togliere la carta e girarli, cuocendo per altri 10-15 minuti finché sono croccanti e arricciati ai bordi.

Chips di barbabietola: pelare le barbabietole e tagliarle a fettine sottili con la mandolina e condirle con olio e sale. Metterle tra due fogli di carta da forno e cuocere per 20 minuti in forno a 200°. Voltare poi la carta da forno e cuocere per altri 10 minuti.

Tortilla al forno: riscaldare il grill. Tagliare le tortilla a triangoli e metterle su un foglio di carta da forno. Cospargerle d’olio su entrambi i lati. Cuocere per 3-4 minuti, poi girare le chips e cuocerle per altri 3 minuti. Lasciar raffreddare e servire con salsa guacamole.

Chips di zucchine: Scaldare il forno a circa 110°. Affettare le zucchine a rondelle sottili – meglio se con la mandolina – e condirle in una ciotola con olio e sale. Cuocere in forno per 45 minuti girando ogni tanto.

Chips di cavoli: lavare e asciugare bene le foglie di cavolo riccio o nero. In una ciotola condirle con olio di oliva e salarle bene. Cuocere in una teglia a 200° per 15 minuti o quando i bordi saranno marroni e squotendo la teglia farà un rumore di foglie secche.

Adesso vi è venuta fame? Potete sgranocchiare queste patatine tranquillamente, senza pensare al colesterolo e potete darle ai bambini per merenda o come snack decisamente più salutare della care vecchie patatine fritte!

Read Full Post »

E’ il momento di fichi, uva, melograno, kaki e castagne. Ricchi di minerali, fra i quali ferro, calcio e magnesio, aiutano a contrastare il cattivo umore dovuto alle minori ore di luce. E non temete per le calorie. L’uva è ricca di antiossidanti e apporta solo 60 calorie ogni 100 grammi. Le castagne invece, ne apportano 200 e una buona dose di potassio.

Read Full Post »

Alle donne non si comanda, e nemmeno al cuore.

Secondo uno studio condotto per 8 anni dall’Istituto nazionale dei Tumori di Milano, ci sarebbe una correlazione tra l’insorgere dei disturbi coronarici e la dieta seguita ma questo riguarda solo le donne. Infatti, le 158 donne in osservazione che hanno sviluppato malattie cardiache, consumavano cibi ad alto tasso glicemico, in maggioranza carboidrati.

Coloro che assumono carboidrati ad alto indice glicemico avrebbero il doppio delle probabilità di soffrire di cardiopatie ma questo riguarda soprattutto le donne, probabilmente per cause ormonali.

Read Full Post »

Avevamo già parlato qui delle banane ma solo per scopidietetici. E chissà se quella famosa dieta della banana è ancora in uso.
Pare invece che le banane e i broccoli, mangiati nello stesso piatto o entrambi almeno una volta al giorno, grazie alla struttura delle loro fibre proteggano l’intestino da infezioni e infiammazioni. In particolare, banana e broccoli bloccano la trasmissione del batterio Escherichia Coli rispettivamente del 45% e dell’82%.

Per beneficiare delle loro proprietà benefiche, è consigliabile che entrambi i vegetali siano naturali al 100% perché se trattati industrialmente perdono le loro speciali qualità provocando addirittura effetti opposti.

Read Full Post »

Da circa 20 anni il National Cancer Institute americano raccomanda il consumo giornaliero di almeno cinque porzioni di frutta e verdura insieme ad una regolare attività fisica allo scopo di migliorare il proprio benessere fisico.

Nonostante queste raccomandazioni, una ricerca svolta dall’istituto Research Now, commissionata da Herbalife e svolta su un campione di 7.ooo persone di Italia, Spagna, Germania, Olanda, Regno Unito, Ucraina e Russia, solo l’11% degli europei segue questi principi.

I più virtuosi sono gli olandesi, i più indisciplinati gli spagnoli. L’Italia si colloca a metà della classifica.

Analizzando le fasce d’età, risulta che gli italiani tra i 24 e i 34 anni sono i più propensi ad integrare con regolarità frutta e verdura nella propria alimentazione, seguiti dagli over 65.

Analizzando le regioni d’Italia, le più virtuose sono Molise, Val d’Aosta, Calbaria, Trenino e Abruzzo. La maglia nera spetta a Lazio e Toscana, precedute da Sardegna, Veneto e Piemonte.

Read Full Post »

Older Posts »