Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘cile’

25/04/2011 ultimo giorno

Ultimo giormo in terra d’argentina

dopo 144 giorni di vagabondare devo dire che non ho mai avuto problemi di nessun genere, le persone sono state sempre gentili,mi sono sentito uno di loro e mai un turista da spennare.

Il tempo e’ stato sempre dalla mia parte,qualche pioggia ma mai da dover rimanere a non far niente….anche qui sono stato molto fortunato

Mii sono sempre spostato in bus come scelta perché potevo meglio vedere la gente.

tanti cani x le strade ma mai cattivi.

Una delle cose che non mi sono piaciute e’ quella dei bus sempre accesi:una volta ho preso un bus che e’ rimasto acceso 1 e mezza prima di partire, non si spengono mai. Ho chiesto il perche’….mi hanno aperto le braccia

Questo viaggio non lo dimenticherò x la moltitudine di cose perse…alcune importanti….ma sono cose….. e si rimedia

ho parlato con un inglese 64enne trovato all’ostello e mi ha confermato che anche lui ha perso molte cose, viaggiando soli forse è così.

ciao

ps

sono riuscito ad andare al teatro museo colon

Questo slideshow richiede JavaScript.

la capienza e più di 3000 persone uno dei più grandi al mondo e per il canto il migliore

ho detto la scala a milano………e’ stata bombardata e ricostruita e ha perso la sua originale acustica

fatto da due architetti italiani,tutti morti a 44 anni sembrava ci fosse una maledizione…quello che lo ha terminato e’ stato un belga …ne aveva piu’

molti stili e all’ingresso marmo di rosso di verona…….

26/04/2011 titoli di coda

 e’ la fine del film

di solito i titoli di coda sono piccolissimi e nessuno mai li legge…tutti si alzano e vogliono andare…..ma sono importanti ..rappresentano tutte le persone che hanno lavorato x il risultato finale…

io sono stato solo una voce-vista errante………….la parte piu’ facile e bella

un ringraziamento speciale va a tutte le persone anonime con cui parlavo e non conoscevo il nome e  “que tal” ed erano felici di parlare con un burro come me solo perche’ ero italiano

  • il primo e’ il mio sobrino filippo e i nostri tavoli traballanti che mi ha sopportato per il primo mese
  • federica veneziana, amante del rugby, trovata al primo ostello di ushuaia e la coppia in viaggio di nozze di amburgo …assieme ci siamo fatti il cenone  dell’ultimo dell’anno a base di pasta, insalata e vino in quel di puerto natales
  • serena e davide, due simpaticissimi bresciani trapiantati per ora a benevento e amanti della montagna…..trovati ad ushuaia e per caso a el calafate ed in una birreria ad el chalten
  • i due informatici milanesi paco e roberto nel parco delle torri del paine il 1 gennaio e tornati a puerto natales fermando un viano di svitati cileni….. ritrovati a el calafate alla stazione bus
  • paolo e melina, romani in viaggio per il sud america x 100 diasensuramerica  conosciuti nell’hostal ad el chalten e per caso in una caffetteria 4000 km piu’ in su a san pedro de atacama
  • l’architetto-docente italo americano marco e la parigina di place d italie a perito moreno
  • julia e mariella due ragazze di BA al parco de los alerces nei pressi di esquel
  • ad esquel esteban (che si porta dietro la chitarra) e noelia con cui abbiamo fatto il trio buch-kid-ethel
  • leo e thomas altoatesini di ritorno dall’ aconcagua e diretti a scalare altre vette ad el chalten
  • clelia  e marisa nel parco di el bolson che mi hanno offerto il mate mentre ascoltavamo la musica
  • crovatin l’elettricista  a san martin los andes
  • federica scenografa svedese all’isola di chiloe’
  • pablo il fotografo gigante di quilon
  • edoardo l’ asador felice di castro
  • victor che mi ha regalato una raccolta di poesie di neruda alla fiera del libro usato a santiago
  • pablo l’elettricista che andava sui tralicci ad antofagasta
  • a san pedro samuel e aymsem mouchilleros di santiago e victor e emanuel di valparaiso
  • le 2 svizzere  nell’ostello di jujuy  ritrovate casualmente in altri posti
  • cecilia e la sua amica sandra a tilcara e l’ex montoneros javier
  • l’olandese thomas 48enne a mendoza in giro x il sud america in bicicletta
  • la parigina sophie una  ex responsabile delle risorse umane per la sapiem a cafayate
    e soledad alla manifestazione del 24 marzo
  • marielle pediatra di strasburgo……gabriela ginecologa di buenos aires e sabrina pianista nell’ orchesta filarmonica di barcellona
  • pascal ex ferroviere parigino da poco in pensione in giro x 6 mesi in sudamerica
  • cristian dell’ostello di salta che quando mi vedeva arrivare al terminal bus si metteva a ridere e mi diceva “ancora qui”
  • clara 20 anni di rosario che il prossimo anno ricomincia a studiare ed ora se ne va in giro x il sud america come studio la vita di strada lasciando  un po’ in ansia i genitori
  • melly e zeno  ci siamo rincorsi e alla fine siamo riusciti a trovarci a posadas ed andare in paraguay x vedere dei resti di missioni gesuitiche…..con noi si sono aggregati il salisburghese martin che invece di fare il militare (obbligatorio nel suo paese) ha fatto 6 mesi di volontariato a buenos aires e 6 a santiago ed ora gira x il sud america
  • anna’ tedesca, anche lei volontaria a quito ed  anche lei ora in vacanza …ero assieme a 4 19enni..presi autobus e un taxi sgangheratissimi
  • al dolce facundo che ha diviso con me la sua stanza a s.juan, alla riservata victoria, a lina che preparava pietanze diverse ogni giorno e ricardo che finalmente ho visto dopo 10 anni
  • alle persone che ho trovato al campo della ribera ed a  irina che mi ha aperto tutte le stanze di questo luogo di morte e sofferenza nella periferia di cordoba dove dopo averle massacrate si facevano sparire le persone…ora cercano di farlo diventare un centro vivo x tutti i ragazzi di questo quartiere difficile….
  • e tutti voi che in questi mesi mi avete letto, pensato e magari invidiato…
  • con voi sono stato in montagna….bevuto un bicchiere di vino…pedalato su strade polverose….seduto nei migliori caffe’ delle citta’…….in un ristorante davanti ad una bistecca alta tre dita…….
  • paolo claudia paola fiorenzo roberto cinzia flavio irene marcello giovanna roberto mario maestromarco dino piero claudia matilde alfredo lucio diana maria sandro oreste paolo guerrino federica michele serena davide elena laura patrizio franca diego
  • gli excolleghi mario marco loris roberto luca claudio costa roberto gigi mauro roberto ivan tiziano roberto alberto sterfano giorgio luciano alberto giuliano
  • i 4 fratelli anna elisabetta paolo maddalena
  • il papa’ renato e mamma margherita che mi hanno pensato tutti i giorni
  • giuseppe e silvana che sicuramente non sono stati da meno

e alle due persone che hanno dovuto ricominciare una nuova parte, la piu’ difficile e dura …nella quotidianita’….aspettandomi

domitilla   luisa

la colonna sonora sarebbe infinita ……………….
argentina cile paraguay      5 dicembre 2010— 26 aprile 2011

 

 

 

 

Read Full Post »

san pedro, ultimo giorno

ieri ho noleggiato x la 3 volta una bici, questa volta una vera bici,tutto funzionava perfettamente

sono andato nella valle della luna di giorno. incrociato 2 macchine

I tour partono alle 4 del pomeriggio da s.pedro

paesaggi molto belli, e’ strano vedere questo deserto con le cime della cordiliera innevate

oggi sono andato a piedi su un rilievo sulla cordiliera del sale, in cima c’erano delle croci. fatte nel 92 in ricordo degli atacameni decollati da aguirre…dopo 400 anni con scuse

domani partiro’ per l’argentina

ciao

ps

nella valle della luna ho incontrato un tedesco e moglie di 65 anni con un camion /camper .. la loro intenzione e’ rimanere 5 anni in sud america

..mi sono seduto con loro e mi hanno raccontato un po’ i loro viaggi: australia, asia, africa, …sempre anni….ho battuto loro le mani poi ho ripreso il mio cammino verso s.pedro

Questo slideshow richiede JavaScript.

Read Full Post »

non e’ cambiato poi tanto san pedro (1980 abitanti secondo il censimento del 2009) negli ultimi 6 anni
certamente ci sono hostal ed hotel nuovi,si sono ampliati ristoranti ma e’ tutto ancora con strade polverose,cani addormentati gente che va e viene
ci sono molte escursioni da fare in questa oasi. Puoi andare a 4200 m e farti un bagno nel secodo posto geotermico del mondo, andare dentro il salar e vedere 3 tipi di fenicotteri…(un terzo del litio mondiale x le nostre batterie si estrae da qui), andare a vedere lagune colorate a 4500 e fare pic nic……si puo’ andare a vedere il piu’ grande radiotelescopio del mondo……puoi andare nella cordiliera del sal e nella valle della morte a piedi e perderti (come ho fatto io….la via del ritorno l’ho poi ritrovata…) ..farti giri in bici e venire giu’ dalle dune con tavole da surf..
ma la cosa piu’ bella e’ il deserto: sembra non ci sia nulla ma se ti fermi c’e’ sempre qualcosa che si muove.
san pedro e’ uno dei posti piu’ aridi ed asciutti del mondo. La settimana scorsa c’e stata una tempesta magnetica, chiamano cosi’ il temporale….tanta acqua..pero’ troppo forte
negli ultimi anni hanno fatto una legge che dice che non si puo’ suonare nei locali……..la gente si ritrova via sms in case private…..
ciao

Questo slideshow richiede JavaScript.

Read Full Post »

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lettera 18  14/02/2011 santiago…la serena

 

parto da santiago sotto un temporale…sembra che l’estate sia arida di pioggia e quando arrivi provochi effetti devastanti

la tv parla di un aumento dei prezzi di frutta e verdura………

sto andando verso nord…..dopo circa 300 km il paesaggio comincia a cambiare…..i campi coltivati a frutteto, viti, mais finiscono e il terreno diventa arido e montagnoso….si vedono i primi cactus

si passa anche un parco eolico molto grande

al mio fianco siede pablo, anche lui elettricista…….ma non piu’ di impianti perche’ poco pagato…..ora sale anche fino a 30 metri..linee alta tensione

sta andando ad antofagasta dove deve potenziare una linea…

il suo lavoro comincia alle 7 del mattino per finire alle 7 della sera….questo per 10 giorni…poi 10 giorni di riposo..tutto questo per 8 mesi

per arrivare a casa impiega pero’ 32 ore di autobus….

si parla di lavoro, della sicurezza, degli sforzi che fa il suo paese per ottenere infrastrutture buone….

infatti il tenore di vita in confronto all’argentina sembra migliore…..annuisce …pero’ si deve pagare tutto..istruzione, sanita’…e i soldi sono sempre pochi

parla che ci sono troppi monopoli….non sopporta che il trasporto sia solo su gomma….i giapponesi avevano fatto un progetto……ma le imprese di trasporti sono una potenza…bloccato tutto..

parliamo del terremoto dello scorso anno…lui non ha avuto problemi…mi dice che la gente vive ancora in tenda………. noi abbiamo l’aquila….

dalla borsa prende 2 panini e 2 pesche …divide con me il suo pranzo…..

pablo e’ sposato, ha 2 figlie di cui una sposata con figlio..l’altra ha 22 anni..dovrebbe finire l’universita’…ma non ci sono i soldi

questo e’ il suo rammarico e perche’ fa questo lavoro faticoso e pericoloso

aveva 17 anni quando arrivo’ il golpe….carcere..ma non dice altro..sembra voglia dimenticare..

il governo dovrebbe rimborsarlo per quel periodo e con i soldi la figlia potrebbe finire l’universita’…spera arrivino in fretta

le ore passano velocemente e il bus arriva….ci salutiamo

la serena, un bel centro con archittetura coloniale, chiese dai muri enormi, un bel museo archeologico, molte piccole librerie e una fiera del libro..

a 2 km la spiaggia con alberghi, palazzi e centri commerciali..tanta gente…troppa per i miei gusti ..sembra rimini d’estate

compero un biglietto per s.pedro de atacama…ci saranno molte persone anche li’  ma ci sono i vulcani i deserti i salar e paesaggi strepitosi

ciao

Read Full Post »

Lettera del 10 febbraio 2011

santiago, molto diversa dall’ultima volta

era inverno ora il sole fa diventare tutto piu’ allegro

ho visto quartieri molto belli e colorati..posti strani che esistono in tutte le metropoli

una via nel barrio brasil fatta di negozi x ricambi d’auto…c’era tutto,da chi vendeva solo specchi retrovisori di tutte le forme,a guarnizioni…a cinghie…..tutto x l’auto

ho fatto una cosa , forse l’unica che mi ero programmato x questo viaggio

ho visitato la casa di neruda di isla negra a 3 ore di bus da santiago sull’oceano e anche la cascona in citta’

entrambe fatte come se fossero navi …..amava il mare,,,,ma non l’acqua,,,voleva essere un capitano di terra….tutte le stanze a isla negra guardavano l’oceano

tutte piene di sue collezioni,delle cose portate quando era ambasciatore in varie parti del mondo

del premio nobel e la legione d’onore francese..quadri di rivera

non si potevano fare foto

ieri sono andato allo stadio nazionale,

11 settembre e’ stata una data tragica x molte persone.

Questo slideshow richiede JavaScript.

mi aveva colpito allora nel lontano 73 avessero fatto nello stadio un campo di concentramento

e la fine tragica di molti…….

ho voluto portare un mazzo di fiori in nome di tutti quelli che il golpe ha significato qualcosa..

per non dimenticare…….

ciao

Read Full Post »

Questo slideshow richiede JavaScript.


Lettera 17  07/02/2011 chiloe’

cosa dire di questo insieme di isole pieno di pascoli ondulati, foreste, laghi..dove dopo piu’ di 20000 km finisce la strada che collega le tre americhe?
sono arrivato in una giornata di pieno sole e me ne vado dopo 10 giorni con caldo e nemmeno una nuvola………, la pioggia con raffiche di vento , la nebbia ci sono state..ci mancherebbe..non sarebbe chiloe’
sapevo dai racconti dei ciclisti delle chiese in legno ma non pensavo che quasi la totalita’ degli edifici fosse costruita in quel materiale penso che i pochi rimasti in pietra e cemento siano quelli resistiti al 60 quando la terra tremo’ (sulla costa del pacifico ci sono cartelli  che segnalano rischio tsunami)
– delle cozze e frutti di mare enormi…..
in ogni cittadina e paese si trova una fiera artigianale dove tutti vendono gli stessi prodotti
le donne fanno maglioni, cappelli, calze di lana…mi ricordano mia nonna…
ieri, domenica, ho visitato 4 paesetti con il bus rurale ed in ognuno di essi vi era un mercato tipo zevio dove le mercanzie erano quasi tutte a terra….chi vendeva 3 paia di scarpe, delle calze cinesi, delle pentole, maglie…e la gente comperava
non capisco se questa sia poverta’ o se in un mondo abbastanza rurale non si dia importanza a certe cose…
girando ho visto case molto misere ma per la maggior parte sono ben tenute e la maggior parte delle auto che circolano sono suv o pick up

posso parlare della padrona dell’hostal di ancud che ti illustra cosa vedere e non, dei suoi libri e di essere andata a vedere il concerto degli inti illimani ed aver pianto xche’ ricordava la sua giovinezza  nel 68….
del ragazzo seduto al  mio fianco nel bus rurale x quilien
mi chiede dove vado..????…mi parla della scuola che inizia a marzo (istituto della marina) ed ora va a lavorare raccogliendo frutti di mare…..di eros ramazzotti e del rock che non piace tanto…..mi dice di essere tifoso dell’udinese….mi domanda x quale equipo tifo (da piccolo ….sartiburnichfacchettibedin….)
dei suoi 18 anni che saranno 2 giorni prima di domitilla…festeggera’ solo xhe’ non ha piu’ i genitori…..
potrei parlare di pedro (che somiglia all’indiano di qualcuno volo’ sul nido del cuculo) trovato sul mirador del paese a fotografare l’orizzonte
chiedo il nome del vulcano che si vede…concovado…..mi dice che ha le foto di quando pochi anni fa e’ esploso
mi racconta che ha lavorato in argentina nell’industria del petrolio e di essere ritornato 8 anni fa ……
mi porta a casa sua….. un tempo c’erano meno case…..,

molto probabilmente una volta era il fotografo del paesino..mi mostra il suo laboratorio….dei pezzi di legno che raccoglie dal mare e lavora..ora fa cornici..
del piccolo orto che coltiva…una casa pulitissima
mi dice che non ha ne perro ne gato…e non cambierebbe la sua vita…si sente l’uomo piu’ felice del mondo……ho poco ..ma il poco basta …..

ora mi aspettano 14 ore di un cama x santiago
ciao

ps

una cosa che avevo notato girando e’ stata una casa x recupero alcolizzati…..in giro ce ne sono molti..deve essere un problema…e pensare che a puerto natales a poco prendavamo una multa xche’ si beveva birra da un bicchiere..i carabinieri ci avevano chiesto se nel nostro paese si potesse bere all’aperto………..a verona no ma ero con una coppia di tedeschi e loro potevano…ma qui siamo a chiloe’….. un’isola con un suo inno…diversa dal resto del cile

Read Full Post »

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lettera n° 9 31/12/2010 nuovo anno a puerto natales

sono arrivato fin qui passando x punta arenas

il viaggio da ushuaia e’ stato tranquillo, solite formalita’ burocratiche alla frontiera  (sembra una cosa assurda ma fino a 20 fa era cosi’ anche da noi )

vicino a me vi erano un gruppo di ragazze/i israeliani…..subito non avevo capito da dove provenivano…avevano tratti medio-orientali ….

con la mia vicina abbiamo diviso il cibo (non si puo’ portare frutta in cile), mi ha detto che aveva 22 anni….abitava in un villaggio vicino a gerusalemme….era soldato nella marina (leva delle donne 2 anni….uomini 3) poi riprendeva gli studi universitari….giravano il sud america , mi parlava delle spiagge brasiliane..e stavano via 4 mesi…..hanno portato un panino, ma essendoci il prosciutto non l’ha mangiato……le ho dato le mie gallettte

la maggior parte dei “butei” si sposta in ostelli dove e’ permesso farsi da mangiare…..non ci sono tanti italiani.. forse siamo abituati bene..

a punta arenas sono rimasto solo una sera……la sistemazione non era delle migliori…non riuscivo a cambiare soldi, e i bancomat non mi prendevano le carte…le banche erano chiuse…..cominciava a piovere……..sono andato in una agenzia ed ho comperato un biglietto x puerto natales…. ho trovato poi 2 ragazzine che mi hanno indicato un cambio ancora aperto…mi hanno salutato con il pollice su.
puerto natales cittadina non grande, partenza per il parco nazionale del paine……….molto carina….anche qui  nomi d’altri tempi..lago ultima speranza…….
finiro’ quest’anno in compagnia di una coppia di tedeschi e una veneziana…fusilli…vino…domani partiro’ x un giro nel parco nazionale……
oggi mi sono fatto i miei km lungo il lago……la giornata e’ stata bella anche se ventosa
sul mio ipod giravano a caso musiche di satie, Mozart, clash, mingus, brubeck, andre’, franck…….molto bello

di solito oggi ognuno di noi si permette di esprimere il suo augurio e pensare a quello che e’ passato

il passato x me e’stato piu’ che roseo….. non ho nessun rimpianto
allora oggi voglio augurare a me stesso di imparare a capire il necessario delle cose e vedere in loro il bello della vita……
buon 2011

Lettera 10 02/01/2011 parco delle torri del paine

1′ gennaio l’anno inizia con una bella camminata……non c’e’  vento e la giornata ha poche nuvole

con il pulman sono entrato nel parco e poi con un pulmino sono andato alla partenza del sentiero x il mirador delle torri del paine

venendo da puerto natales mi venivano in mente i racconti di bici di bobo e flavio…..loro si’ sono stati forti….pensavo a loro mentre pedalavano su queste strade dove a differenza dell’argentina, e’ molto piu’ verde,…….e quello che abbiano provato nel vedere le torri che si avvicinavano, in mezzo a guanachi, volpi nandu, lagune con fenicotteri..e molti altri tipi di uccelli…bellissimo

vi erano solo 800 m di dislivello x arrivare al mirador delle torri

un rifugio a meta’, un campeggio un po’ avanti…non c’era vento, il sole per fortuna velato…vi erano dei fiori bianchi che profumavano tantissimo (simili a negritelle)

logicamente e’ un posto battuto come le torri del vajolet o le cime di lavaredo (a cui somigliano)….. ma alla fine della pietraia lo spettacolo era magnifico

ho pensato a tutti i miei amici che amano la montagna e a renato e giuseppe che se fossero stati cileni avrebbero portato sicuramente i figli qui

ciao

Lettera n° 11 05/01/2011 ritorno al…calafate

sono passati una quindicina di giorni da quando siamo partiti da qui….ora sembra un altra cosa

intanto la temperatura e’ molto aumentata..sembrano giornate estive in montagna, si sta bene con la maglietta e i sandali..il vento non e’ freddo ……spero continui cosi’.

c’e’ molta piu’ gente, tanti turisti, molti esercizi commerciali prima chiusi stanno aprendo..vedi anche le seconde case aperte

la cosa strana e’ vedere gli alberi di natale e le calze rosse x la befana.

domani partiro’ per el chalten.

sulla guida e’ scritto di una cittadina nata in fretta per battere i cileni sul contestato territorio…devono ancora arrivare i bancomat, internet e tutto si paga in contanti …nelle banche a el calafate ci sono code interminabili ai distributori.

el chalten e’ la base di partenza per il fizt roy e il cerro torre…ci sono camminate da fare e staro’ li’ finche non riesco a vedere queste montagne

sono indeciso se prendere il traghetto a puerto natales, perche’ non mi sembrava tanto bello, sporco e arruginito e se dentro e’ come fuori….. ….

allora me ne andro’ su fermandomi alle pitture rupestri…cercando la casa di pat garret..ci sono tanti laghi…ci vanno tanti argentini a campeggiare..

passero’ in cile da bariloche

tutte le persone che ho incontrato non sono state entusiaste del cile..dicono sia molto caro e la gente vuole solo soldi senza darti servizi….questo nel parco del paine….

da voci, sembra che i servizi siano in mano agli ebrei, questo spiega xche’ qua al sud ne girano molti

poi, dicono, avendo in mano i trasporti, abbiano orari che ti costringono a dormire una notte in piu’ in albergo…….

qualcosa di vero forse c’e

a presto

06/01/2011 cerro torre

sono arrivato in questa cittadina che sta crescendo…cielo senza nuvole… sono subito andato fin dove si poteva..prima che il tempo cambi …venire qui merita un viaggio
herzog aveva girato un film con mezzogiorno, mi sembrava “grido di pietra” sulla prima scalata fatta da italiani poi tragicamente conclusa
ci dovrebbe essere un compressore a meta’ x impiantare i chiodi forse qualche alpinista lo sa meglio di me …o e’ una bufala
ma come riesce a stare il ghiaccio li’ sopra?

Read Full Post »

Older Posts »