Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘raffreddore’

Dopo il grande successo della Conferenza sui problemi della menopausa e dell’andropausa tenutasi in febbraio vi proponiamo

Lunedì 15 marzo alle ore 20,30

presso la sede della VII Circoscrizione

in Piazza del Popolo 15

 una Conferenza su

“Omeopatia e il suo utilizzo nelle problematiche primaverili”

Relatore sarà il Dr. Attilio Capri, farmacista e docente di Omeopatia.

L’ingresso è libero

Read Full Post »

Non tutti sanno che l’aglio crudo ha garlicproprietà soporifere. Se avete difficoltà a prendere sonno fate in modo che la vostra alimentazione serale contenga sempre uno o più spicchi d’aglio. Se però vi trovate di fronte ad una vera e propria insonnia, ricorrete ad una cura d’urto: schiacciate uno spicchio d’aglio e mettetelo in una tazza di latte caldo. Lasciate in infusione per una decina di minuti e bevete il latte prima di andare a dormire. 
Se prendete questa abitudine vi accorgerete che non potrete più farne a meno.

Se invece il vostro problema è il raffreddore, mettete in bocca uno spicchio d’aglio intero e non scalfito e tenetelo per un’ora. Non sentirete alcun gusto ma i principi attivi penetreranno ugualmente nelle mucose. Potete usare questo rimedio anche come prevenzione se temete che il raffreddore vi aggredisca. 

Infine, potete produrre da soli uno sciroppo d’aglio: prendete 2 teste, grattugiatele, cospargetele di zucchero di canna e lasciatele in macerazione. Prendete il succo che riuscite a ricavarne e usatelo mettendone qualche cucchiaio in un bicchiere d’acqua.

Read Full Post »

circoloolis_aglio

Parliamo di aglio. E’ una droga culinaria e nello stesso tempo un ottimo medicamento.

L’azione dell’aglio riequilibria il colesterolo, la pressione arteriosa ed è anche diuretico. Negli stati infiammatori l’aglio è un espettorante balsamico, fa molto bene a livello polmonare e a tutte le malattie infettive.

L’aglio purifica il tubo digerente ed è uno stimolatore di succhi gastrici.

Alcuni consigli:

Al primo sintomo di raffreddore mettere in bocca uno spicco d’aglio e succhiarlo come una caramella.
Per bronchiti con tosse, bollire l’aglio nel latte intero e quando è tiepido berne un pò alla volta.

Controindicazioni: per chi soffre di gastrite non è indicato. Quando si mangia parecchio aglio nell’insalata o col pane, per eliminare l’alito cattivo dell’aglio si mastichi prezzemolo o semi di anice.

 

 

Read Full Post »

circoloolis_raffreddoreDa una ricerca compiuta dall’Università della Virginia, tra i principali veicoli che disseminano il virus che provoca il raffreddore (Rhinovirus), ci sarebbero gli oggetti domestici più utilizzati. Il telecomando, lo sportello del frigo, il rubinetto del bagno, le penne, il mouse e la tastiera del computer. Sono questi i posti in cui sono state trovate con maggior frequenza (ben il 42 per cento) le tracce del virus del raffreddore.

Il Rhinovirus, propagato attraverso colpi di tosse e starnuti, si deposita sulle superfici, dove sopravvive e si mantiene per circa quarantotto ore.
Il consiglio che i medici danno danno è molto semplice: avere cura dell’igiene domestica e pulire bene suppellettili e soprattutto le mani.
Il passaggio tra gli oggetti domestici e l’organismo umano infatti, avviene tramite le mani. Basta strofinarsi gli occhi e il virus riesce a penetrare attraverso la congiuntiva
Sembra invece che sia inutile diffondere disinfettanti nell’aria poiché il Rhinovirus non rimane in sospensione aerea ma  si deposita cadendo sull’ambiente circostante.

Alcuni rimedi naturali

Idroterapia: i bagni freddi riducono l’infiammazione, quelli caldi rilassano e danno sollievo ai dolori muscolari. I pediluvi caldi della durata di dieci minuti, prima di andare a dormire, aiutano a stimolare la circolazione. Per ridurre la congestione nasale è utile usare un vaporizzatore o inalare i vapori di una doccia o un bagno caldi.

Naturopatia: Spesso i medici consigliano bagni con sale inglese, abluzioni calde e fredde e frizioni per migliorare la circolazione. È consigliato eliminare zucchero e latticini che fanno aumentare le secrezioni mucose. Consigliata inoltre molta frutta e verdure fresche condite con aglio e cipolle.
Bere molto, sia acqua che succhi, brodi e tisane per assicurare una sufficiente quantità di liquidi che aiutano ad ammorbidire il catarro.

Omeopatia: il trattamento varia a seconda delle cause del raffreddore. In una fase iniziale può essere sufficiente Aconitum mentre Gelsemium è indicato per il raffreddore da tempo umido. Altri rimedi sono Allium cepa, Belladonna, Euprhrasia e Natrum muriaticum. Il farmacista è comunque in grado di consigliarvi il prodotto più idoneo.

Yoga: una pratica costante e regolare aiutano a combattere dolori e indolenzimenti e promuovere una più rapida guarigione.

Vitamine e minerali: gli integratori naturali non curano il raffreddore ma alcuni studi dimostrano che vitamica C e zinco possono dare sollievo. Dosi elevate di vitamina C abbreviano la durata del raffreddore. Spesso si prescrivono anche vitamine del complesso B. Tuttavia, gli esperti sono concordi nell’affermare che una corretta alimentazione non necessita di integratori.

Read Full Post »