Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘recensioni’

Lawrence C. Katz, autore del libro “keep your Brain alive” (mantenete vivo il cervello) ha ideato un esercizio “neurobico” basato sugli stimoli cerebrali che partono dal mondo esterno. Non c’è nulla di difficile o trascendentale, basta solo vivere più intensamente.

Ad esempio, potete fermarvi al mercato ortofrutticolo per annusare i prodotti della terra, toccarli e sentirne la fragranza.

Il cervello non è fatto per starsene al chiuso in una stanza: è dovere di tutti gironzolare per la città o la campagna, assaporare ciò che si vede, si sente e si annusa. E poi leggere anche qualcosa di  nuovo, un libro che non ci attira più di tanto e sul quale abbiamo qualche pregiudizio.

“Stimolare i sensi e rompere la routine aiuta ad arricchire le connessioni cellulari nel cervello, rendendo la mente più agile e flessibile nel corso dell’esistenza” è quanto afferma Katz.

Proviamo ora, in questo momento, a fare qualcosa che non si è mai voluto fare.

Read Full Post »

La cura di base del metodo Kneipp è fondata su cinque principi:

• l’idroterapia

• il movimento

• l’alimentazione

• le erbe

• lo stile di vita.

Per poter vivere in salute e serenità è necessario instaurare un equilibrio tra questi cinque aspetti. Infatti sia la carenza che l’eccesso di uno di questi portano all’insorgere della malattia. Tuttavia, l’insegnamento di base di Kneipp si prefigge di suggerire uno stile di vita piuttosto che di applicare delle terapie. Queste sono riservate ai malati mentre lo stile di vita non è solo per loro ma interessa chiunque.

Sfruttando le proprietà dell’acqua, in combinazione con fieno, fango, argilla, si eliminano le tossine e si rivitalizza il corpo, stimolando il sistema immunitario. Per chi vuole saperne di più, consiglio il libro:

Curarsi con l’acqua

di Catia Trevisani e Elisabetta Poggi
Pagg. 175
15 eurocurarsi-con-acqua
Edizioni URRA

Read Full Post »

“Alcuni Maestri Taoisti fanno distinzione tra destino e fato. Il fato è qualcosa simile al termine indiano Karma, nel senso più stretto del termine, qualcosa di predeterminato e ineluttabile, come, ad esempio, il fatto che uno nasca basso o alto. Il destino invece è la direzione che noi abbiamo e che ci porterà a confrontarci con le cose che ci aspettano nella nostra vita: è qualcosa cui partecipiamo in modo attivo. Gli eventi che ci capitano nel corso della vita non dipendono da noi, ma il modo in cui vi rispondiamo è in buona parte nelle nostre mani. Il destino non è dunque inteso come qualcosa di assolutamente ineluttabile, ma il sentiero che ci serve per apprendere dalla vita.”

Tratto da “Manuale di Qi Shu” di Franco Bottalo Ed. Xenia

Franco Bottalo (www.istitutodeo.it) sarà nostro ospite il 22 e 23 novembre per un corso sui Canali Tendinomuscolari.

Read Full Post »